Nebulae

THE BUBBLE NEBULA IN CASSIOPEA ( NGC 7635 ) BICOLOR

bubble nebula
(CLICK REFRESH ON YOUR BROWSER IF IT DOESN'T APPEAR)


Equipment and exposition:

GSO RC 8" F/8 (1624mm)
ATIK 383L+  with Orion Nautilus Usb filter wheel, Baader Filters HA/O3 50,8
Guided with Starlight Lodestar with Orion OAG
Neq6 Geoptik Modded
HA : 10  X 600 Secs.  and 4 x 900 secs  all in bin 2x
O3 : 10  x 600 Sec.s and 4x900 secs bin 2x
Processed with PixInsight ,Maximdl,Photoshop CS4
SIte : Val Troncea, Pragelato 10/08/2011

FULL SIZE

About this object:


NGC 7635, also called the Bubble Nebula, Sharpless 162, or Caldwell 11, is a H II region emission nebula in the constellation Cassiopeia. It lies close to the direction of the open cluster Messier 52. The "bubble" is created by the stellar wind from a massive hot, 8.7 magnitude young central star, the 15 5 M? SAO 20575 (BD+60 2522). The nebula is near a giant molecular cloud which contains the expansion of the bubble nebula while itself being excited by the hot central star, causing it to glow. It was discovered in 1787 by Friedrich Wilhelm Herschel. The star SAO 20575 or BD+602522 is thought to have a mass of 10-40 Solar masses.

Descrizione:

NGC 7635 (nota talvolta come Nebulosa Bolla) una nebulosa diffusa visibile nella costellazione di Cassiopea, verso il confine con Cefeo. individuabile vicinissimo all'ammasso aperto M52, al punto che negli strumenti pi piccoli appare nello stesso campo visivo; la sua caratteristica principale una "bolla" di vuoto circondata da una nebulosa, visibile con potenti strumenti nella zona meridionale dell'oggetto, causata dal vento stellare della giovane stella centrale, di magnitudine 8,7. In un telescopio amatoriale si rivela invece bene la nebulosa, che sembra terminare a sud con una forma ad arco.

Si tratta di una regione HII, al cui vertice meridionale presente una struttura vuota, causata dalla pressione della radiazione di una stella centrale di colore blu (classe spettrale O) di nona magnitudine, il cui vento stellare raggiunge i 2000 km/s; si tratta di una stella di Wolf-Rayet, la quale anche responsabile della ionizzazione della nebulosa, che emette luce propria. La sua distanza dal Sole stimata sugli 11 000 anni-luce.

Bibliography: NASA/Wikipedia




Copyright  Francione Fabrizio © 2009-2016. All rights reserved. support@astrophoto.it